Domande difficili nel colloquio di lavoro – ultima parte

Perchè dovremmo scegliere lei? 

perchè_scegliere_teOggi concludo gli articoli sulle domande più insidiose nei colloqui, le ultime due settimane ti ho parlato di altre due domande difficili:

In questo articolo ti aiuterò a rispondere ad un’altra domanda classica” Perché dovremmo scegliere lei?

colloquio di lavoro

Guardiamo insieme delle possibili risposte, quale ti sembra la migliore?:

  1. “Perché sono il migliore”

Anche se è vero che sei il migliore nel tuo campo, ammetterlo durante un colloquio può essere visto come un segno di arroganza. Se ti consideri il più bravo per quel lavoro devi dimostralo con qualche esempio.

  1. “Non saprei….. non so, credo di essere bravo come gli altri”

Al contrario della prima risposta, qui non sai valorizzarti e ti sminuisci…sei ad un colloquio dove devono sceglierti tra altri candidati, non puoi essere tu il primo a non credere nelle tue possibilità.

  1. “Me lo deve dire lei”

Il selezionatore ti sta facendo una serie di domande per capire che persona sei, quali sono le caratteristiche che ti differenziano dagli altri, perché ancora non ti conosce, è difficile quindi che possa dirti perché ti dovrebbero preferire agli altri candidati.

  1. “Ho una buona esperienza, sono efficiente e coscienzioso, non ho problemi a lavorare di più pur di rispettare le scadenza, sono affidabile, non devo essere seguito e faccio il mio lavoro correttamente e velocemente”

Anche questa riposta va bene anche se un po’ troppo generica, ricordatevi che se non fate esempi concreti  non sarà facile che crederanno a tutto quello che li dite.

  1. “Ho sempre voluto lavorare in questo ambito e credo di aver sviluppato una certa esperienza”.

Anche questa risposta può andare bene basta che sia vero che quel settore ti interessa e che riesci a far capire al selezionatore quanto è forte la tua motivazione e perché.

  1. Oppure per chi non ha mai avuto esperienze di lavoro “ho fatto la tesi proprio su questo argomento“ oppure “credo di avere le qualità da voi richieste che si affiancano ad un interesse personale per quest’ambito”

Se non hai esperienze devi puntare sulle tue caratteristiche personali e sulla motivazione.

  1. Porterò in questa organizzazione X anni di esperienza sul campo, esperienza che si è progressivamente allargata anche ad altri ambiti. Negli ultimi anni, presso la mia attuale azienda, siamo riusciti ad ottenere importanti risultati quali, ad esempio…..”

Questa è una la risposta migliore perché hai sottolineato la tua esperienza in quel settore e hai fatto degli esempi per dimostrare le tue capacità.

  Concludendo, cosa osserva il selezionatore quando ti chiede “perché dovremmo scegliere lei?”

  • le tue capacità ed esperienza in quel particolare lavoro
  • la tua motivazione a lavorare per la loro azienda e a svolgere quella professione

Tu cosa hai risposto a questa domanda?

Scrivimi la tua risposta aggiungendo per quale lavoro ti stavi presentando, ti scriverò la mia opinione con qualche suggerimento.

Se vuoi avere la lista completa delle domande che i selezionatori fanno ai colloqui iscriviti a NewsJob, la newsletter di Lavoro su Misura,  ti manderò anche una Guida introduttiva ai colloqui di lavoro e la Guida Lavoro all’estero, per partire con il piede giusto.

Lascia un commento